Il post giusto, nel giusto momento.

Il post giusto, nel giusto momento.

In alcuni casi strafare è peggio che non fare nulla.

Questo vale in molti campi e anche per quanto riguarda la gestione della pagina Facebook di un’azienda possiamo dire lo stesso.

Numerosi studi sulle pagine che gestiamo e i vari dati e statistiche che vengono diffusi in rete ci dicono che la qualità del post ma soprattutto dell’immagine che viene postata è molto importante e determina il successo della pagina. Non a caso abbiamo studiato il numero di post da inserire nell’arco della giornata sulle pagine che seguiamo, e soprattutto gli orari in cui farli uscire.

Coprendo così le varie fasce della giornata e prendendo un più ampio bacino di utenti interessati.

Grazie ad alcune funzioni siamo in grado di distinguere per ogni pagina, il picco di maggiore affluenza, così da inserire in quella fascia oraria il post di maggior rilievo.

Ci capita spesso di vedere in alcune pagine numerosi post uguali, condivisi, e ri-condivisi più volte al giorno, questo è controproducente.

L’utente che vede invasa la propria bacheca/diario di notizie tutte uguali, che riguardano il suo Parrucchiere, è spinto a nascondere i post provenienti da quella pagina.

Questo succede perché la cliente si sente tempestata di messaggi promozionali e la notizia diventa un fastidio.

Nella nostra programmazione settimanale che prevede 3 pubblicazioni, distinguiamo diverse tipologie di post, uno contiene il link al sito con un immagine accattivante, uno è basato sulla promo qualora ci fosse, e l’altro post invece contiene immagini oppure qualche notizia di gossip che attira l’attenzione e fa aumentare la possibilità di commenti e condivisioni del post. In un piano editoriale più strutturato è possibile anche inserire delle rubriche settimanali, sia di notizie attuali che storiche. E’ chiaro che per fare un piano editoriale ben fatto, bisogna conoscere il settore e svilupparlo in modo corretto, per questo qui non ci è possibile aiutarvi ma vedremo di approfondire l’argomento. Per esempio in un sito di ristorazione o ricette o cucina, il piano editoriale può contenere la rubrica del sabato con “le ricette regionali”. L’idea è quella di far appassionare il proprio pubblico, e far si che non veda l’ora che arrivi il sabato per trovare pubblicata la ricetta. A me è successo con una newsletter, che arriva il venerdì. E’ un risultato molto difficile da ottenere infatti in tanti anni non mi era mai successo prima, mentre ultimamente mi sono appassionata a questa e-mail che io so arrivare tutti i venerdì e la aspetto. Questo dovrebbe essere l’obiettivo di ogni azione online.

In conclusione non basta postare e non bisogna assolutamente intasare le pagine di pubblicità dei prodotti e servizi, ma scegliere il post giusto, nel giusto momento e parlare anche di cose che interessano il nostro prospect.

Federica Picchio

Lascia un commento